Il nuovo Anno Accademico…
Ma con stile fucino

Chiostro Sant'AgostinoE’ ufficialmente iniziato un nuovo Anno Accademico: sfide, speranze, progetti, prospettive, lezioni, tirocini, esami… La vita universitaria è un’esperienza che segna profondamente il vissuto di ogni studente. Ci sono tanti modi di affrontare questa sfida: ognuno cerca di fare il meglio per la propria crescita e formazione, ponendosi in un orizzonte più ampio, che guarda al lavoro e al futuro.

Quello che è importante è mantenere una ferma coscienza del fatto che questo periodo passa, si compie, più o meno velocemente: è un tuffo nella cultura e nella scienza che ci invita poi a riemergere e nuotare verso nuovi orizzonti di bene. Per godere dei suoi frutti è necessario vivere questo tempo di grazia a pieno, profondamente, lasciandosi interrogare da tutto quello che stare in Università significa.

Non si può rimanere fuori a guardare, non si può rimanere fermi a dondolare sul trampolino: bisogna buttarsi. Saltare è pericoloso: perdi il contatto con la terra, rimani a mezz’aria per un po’, devi coordinare il tuo corpo, prepararti per l’impatto con l’acqua… In Università si può imparare anche a fare questo: è un allenamento della mente e dello spirito ad accogliere ciò che il mondo e la storia in cui siamo inseriti ci pongono davanti: guardare, meditare, studiare, valutare, rielaborare, condividere. E poi partire.

Il Gruppo di Bergamo della Federazione Universitaria Cattolica Italiana è formato da alcuni studenti dell’Ateneo di Bergamo, alcuni iscritti al corso di Scienze Religiose dell’ISSR di Bergamo, alcuni giovani che frequentano corsi di altre Università lombarde ma che riescono a condividere un po’ del loro tempo per confrontarsi, stare in amicizia, verificarsi nella Parola e nella preghiera, approfondire temi e spendersi perché l’Università sia percepita come dono e potenzialità per sé e per le comunità in cui si è inseriti: la propria città, il territorio, le associazioni, la parrocchia e la Chiesa…

Abbiamo trascorso un’estate intensa e questo ci ha dato la giusta carica per predisporre alcune iniziative rivolte agli universitari di Bergamo: riportiamo sinteticamente il calendario del mese di ottobre, cercando di ampliarne di settimana in settimana i contenuti. Ogni proposta è pensata perché chiunque condivida lo stile della ricerca e del confronto sereno e ampio sui temi che ci stanno a cuore possa intervenire, come protagonista, non solo come spettatore o uditore! Siamo felicissimi di accogliere nuovi studenti che come noi vogliono che l’Università sia per loro un bagaglio umano e formativo di spessore.

 

OTTOBRE
Venerdì 10 Sulla Soglia
Primo incontro del ciclo proposto agli universitari di Bergamo per scoprire il nesso tra Cultura, Vangelo della domenica e Fede.
Ospiti
– Dino Nikpalj, Giornalista
– Mons. Patrizio Rota Scalabrini, Biblista, Direttore Ufficio per l’Ecumenismo
Lunedì 13 Montini tra Cultura e Fede
Incontro di approfondimento per docenti e studenti UniBG sulla figura di Montini a cura del Prof. Pertici, docente di Storia Contemporanea, UniBG
Giovedì 16 Domenica 19 Congresso Nazionale Straordinario in occasione della Beatificazione di Papa Paolo VI
Dettagli all’indirizzo
Paolo VI e la FUCI. In cammino verso la Beatificazione
Venerdì 24 Teologia e Politica
Incontro di approfondimento, riflessione e scambio sul tema della Politica, in senso originario, e sue implicazioni con la Teologia, cristiana e non cristiana, alla luce anche dei quotidiani fatti di cronaca.
Mercoledì 29 Aperitivo al Circolino (Città Alta)
Aperitivo per conoscere e incontrare gli studenti universitari di Bergamo.

Vi ricordiamo infine che sono sempre disponibili gli spazi per lo studio personale o di gruppo presso il Centro Universitario Sant’Andrea in via Porta Dipinta, 39, salendo dalla Fara alla Funicolare, a fianco della Chiesa di Sant’Andrea.

Sperando di incontrarvi e di poter condividere il nostro percorso universitario,
vi auguriamo buon inizio dell’Anno Accademico e buono studio.

Sii sociale, Condividi!

FUCI Bergamo

La FUCI di Bergamo fa parte della Federazione Universitaria Cattolica Italiana – FUCI. Logo FUCI La FUCI… Ma che cos’ è? – Un incontro tra amici, tra studenti. Condividiamo per un breve (si spera!) periodo della vita l’esperienza dello studio e dell’Università, cercando di sostenerci l’un l’altro nell’entusiasmante e faticosa avventura universitaria. Non vogliamo subire l’ Università come duro e freddo (e come!) esamificio, patendo questo sistema che non va in modo anonimo e forse anche inutile. Vogliamo invece cercare un senso autentico al nostro studiare e all’ Università, occasione di vita irripetibile ed esaltante. Sicuri che essere studenti è condizione faticosa ma speciale e preziosa: ci è offerta, viviamola a fondo, per noi e per gli altri. Un po’ di storia – Abbiamo festeggiato il secolo di vita della FUCI nel 1996. Permetteteci un guizzo d’ orgoglio: la FUCI è un’associazione studentesca gloriosa: ha contribuito a formare donne e uomini -permetteteci un altro guizzo!- che hanno “fatto l’ Italia”. La sigla: FEDERAZIONE – perché la FUCI è composta da una serie di gruppi che, con lo stesso sentire e con uno stile condiviso, contribuiscono a servire il territorio che abitano nella dimensione ecclesiale e civile, decidendo autonomamente il cammino da percorrere. UNIVERSITARIA – l’università è il luogo in cui viviamo, su cui scommettiamo la nostra formazione: non è solo un “esamificio” o un distributore di nozioni, ma può diventare occasione di crescita umana. Università è il nostro ambiente di vita, l’istituzione a noi più prossima, della quale ci interessiamo e ci prendiamo cura, non solo attraverso l’aggiornamento e la riflessione, ma con l’impegno e la propositività. Universitari sono quelli che animano la vita dei gruppi e che sono chiamati ad un maggiore protagonismo, sotto il segno della responsabilità. Universitario è il metodo: la ricerca, l’ascolto di tutti i punti di vista, la verifica dei dati. Per sviluppare quella capacità critica che consente di andare oltre i luoghi comuni. CATTOLICA – perché si inserisce pienamente nella realtà ecclesiale e ne condivide il cammino secondo le sue specificità. Partecipa attivamente alla pastorale universitaria e collabora alla pastorale giovanile, stimola il dialogo intraecclesiale e della chiesa con il mondo attraverso specifici itinerari di riflessione teologica e culturale. Dunque è Chiesa in università e Università nella Chiesa. La natura confessionale non impedisce comunque la partecipazione anche a chi non condivide lo stesso cammino di fede. ITALIANA – perché vive pienamente le attese e i problemi sociali e politici del Paese, pur non trascurando le sfide della mondialità e delle interdipendenze. La FUCI mira a formare cittadini che possano operare scelte di cittadinanza responsabile qualunque sia il loro campo di impegno; propone, quindi ai suoi aderenti percorsi di formazione in cui, nel rispetto degli orientamenti di ciascuno possano imparare a “pensare la politica”. Ma che cosa fate? Bella domanda! In due parole, ti possiamo dire che, messe sul tavolo un po’ di idee, sviluppiamo insieme quelle che sentiamo più interessanti ed urgenti. Insomma cerchiamo di valorizzare le esperienze e le abilità di ciascuno, tentando di divenir del mondo esperti! E fra le urgenze, al primo posto. vi è l’esigenza di curare la nostra fede, che vuole maturare con noi, altrimenti si inaridisce. E quindi, liberamente, partecipiamo alla vita delle nostre parrocchie, della nostra diocesi, viviamo insieme momenti di spiritualità e di approfondimento con l’aiuto di un giovane sacerdote. E poi vogliamo conoscerlo questo mondo per amarlo davvero. Così, con semplicità, abbiamo discusso di questo nostro tempo carico di futuro, ed abbiamo cominciato a conoscere ad amare il Grande Giubileo del Duemila, in particolare la “purificazione della memoria” e la Chiesa che chiede perdono. Un’attenzione speciale la dedichiamo alla politica, un aspetto fondamentale della vita di ciascuno in quanto cittadino. Per scaricare una breve presentazione della FUCI clicca qui. Altre informazioni: www.fuci.net Fabio Albani

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento